Dienstag, 26. September 2017


  • Pressemitteilung BoxID 668596

Gli Svizzeri poco propensi nel prodigare i primi soccorsi

Vernier, (lifePR) - Un sondaggio condotto dal TCS ed i Samaritani comprova che tendenzialmente gli svizzeri sopravvalutano le loro conoscenze sui primi soccorsi.

Gli svizzeri, sono dei buoni samaritani? Alla lettura dei risultati del sondaggio condotto dal TCS ed i Samaritani su un campione rappresentativo di 567 persone fra i 18 e i 70 anni, mirante a valutare il grado di conoscenze sui primi soccorsi, la risposta è piuttosto contrastante. La maggioranza degli intervistati (65%) ritiene di essere capace di fornire le prime cure, ma di fronte alla realtà di un incidente e quando le domande diventano più concrete, essi tendono a sovrastimare le loro concrete capacità.

Gesti e principi velocemente dimenticati

Solo il 7% degli interpellati sanno enunciare spontaneamente le diverse azioni da svolgere in caso d’incidente e solo un terzo riesce a citarne tre su quattro (garantire la propria sicurezza, mettere in sicurezza il luogo dell'incidente, chiamare i soccorsi e prodigare i primi soccorsi). Solo il 32% degli intervistati sanno elencare le tre azioni da fare per verificare lo stato di salute di una persona ferita (se è cosciente, se respira, se sta sanguinando copiosamente o se soffre di lesioni gravi). Se si deve intervenire su una persona incosciente che non respira più, oltre due terzi sanno che si deve praticare un massaggio cardiaco; ma la metà degli intervistati non si sente all’altezza di farlo e solo il 19% riesce a descrivere con precisione i gesti da compiere. Più preoccupante è il fatto, che solo l'1% è in grado di agire correttamente di fronte a una persona ferita che sanguina molto.

Aggiornare le proprie conoscenze per aumentare le possibilità di salvare vite umane

Tra sentirsi pronto ed essere veramente capace di agire, c'è un divario dovuto ai molti anni trascorsi fra la frequentazione del corso “Primi soccorsi” ed il sondaggio. Infatti, la maggioranza degli intervistati ha seguito il corso all’ottenimento della patente di guida e, in seguito, non ha più seguito un aggiornamento. Un fatto che preoccupa, perché il numero dei morti sulle strade potrebbe venir ridotto significativamente se il corso fosse impartito in modo appropriato sul luogo dell'incidente, prima dell'arrivo dei servizi di soccorso professionali. Attualmente si può solo incoraggiare di seguire un corso di aggiornamento sul tema. Fortunatamente, il 72% degli intervistati conosce i numeri d’emergenza in caso d’incidente stradale con feriti (144 o 112), mentre il numero europeo (112) è pressoché sconosciuto, in quanto citato solo dal 10% degli intervistati.

Diese Pressemitteilungen könnten Sie auch interessieren

BPI zur Bundestagswahl

, Gesundheit & Medizin, Bundesverband der Pharmazeutischen Industrie e.V.

Der Bundesverband der Pharmazeutischen Industrie (BPI) erklärt anlässlich der gestrigen Bundestagswahl: „Auch wenn nach dem Wahlergebnis schwierige...

Multiple Sklerose und Krankheitsverarbeitung

, Gesundheit & Medizin, AMSEL e.V., Aktion Multiple Sklerose Erkrankter, Landesverband der DMSG in Baden-Württemberg e.V.

Am Mittwoch, den 11. Oktober, lädt AMSEL e.V. ab 18.30 Uhr zum Fachvortrag „Das Leben ist nicht fair – na und?“ ins DRK Vereinsheim, Lortzingstraße...

Rehabilitation schenkt Lebensjahre

, Gesundheit & Medizin, Deutsche Herzstiftung e.V.

Rund 75.000 Menschen mit einer Herzkrankheit gehen nach der Akutbehandlung in eine Rehabilitation. Sie machen gut sieben Prozent aller medizinischen...

Disclaimer